UFFICIO DI ALLIBRATORE UNA MARATONA DI TASSO SU SPORT

REGISTRANDOTI SUL SITO DI LOTTOMATICA, PUOI SCEGLIERE IL BONUS SCOMMESSE BETTER. UFFICIO DI ALLIBRATORE UNA MARATONA DI TASSO SU SPORT RISPOSTA LA SNAI CARDLA TESSERA DI SNAI CHE TI PERMETTE DI AVERE UFFICIO DI ALLIBRATORE UNA MARATONA DI TASSO SU SPORT CONTO GIOCO ESTREMAMENTE FLESSIBILE.

00 ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. I bonus, dunque, devono essere messi a confronto tra i vari bookmakers e analizzati in base alle esigenze dei clienti. Champions League : Borussia Dortmund – Slavia Praga. Torino-Fiorentina dicembre 2019: probabili formazioni ed ultime dai campi del match ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport Serie Ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. fanne parte anche tu .

La mia prima MARATONA 🏃‍♂️ Maratona di Milano

Levento prescelto vi apparir a questo punto nella parte ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport della pagina, che in precedenza era occupata dagli incontri pi importanti della giornata. In pi, il servizio di assistenza SNAI disponibile per offrire chiarimenti o supporto, sia attraverso il canale della posta elettronica che telefonicamente. Il ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport proposto risultato essere il pi vantaggioso al momento della compilazione ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. Pronostico Monchengladbach-Bayern Monaco 07-12-19. Ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport stai cercando. INTERNET Ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. – NACIONAL MONTEVIDEO.

Forse è meglio che ascolti papa Oronzo: Ma io per correttezza non mi fermo, non chiamo il fisioterapista: Forse è meglio che prenda ripetizioni dalla Sharapova.

Che intanto deve ancora sbrigare la pratica Mattek sospensione per oscurità sul a suo favore prima di sbarrare la strada nel terzo turno alla Knapp, che intanto sogna: Siamo di fatto al quarto, forse il quinto flutto, autentici marosi tennistici che si abbattono su uno sport un tempo ristretto a poche inazioni protagoniste.

Anastassja Pavlyuchenkova, un nome che inguaierebbe qualsiasi titolista, se solo diventasse forte, e non è detto che non vi riesca. Ha dominato due stagioni del circuito junior, la russa impronunciabile, ma una volta tanto il passaggio alla maturità dei tornei che contano davvero non è stato imperioso.

Sanno giocare su un unico schema, la giovane Olga come la bellissima Sharapova. Il problema è sottrarsi alla stretta dei loro muscoli. Flavia vi è riusata II torneo prosegue.. Lei, Flavia, e anche Kann Knapp, apparsa sicura contro la francese Olivia Sanchez, spagnola di origini.

Sulla terra è diverso, e posso far valere le mie anm, la mia pazienza. Infatti, la numero uno è Masha, anche se sulla terra rossa non sembra. H mio obiettivo è proprio quello di misurarmi per il possibile con le più forti.

Ernest è lettone e ha gli stessi anni della sua giovane Repubblica, venti. Figlio di Ainars, miliardario, un impero fondato sui gasdotti. Intanto, ha battuto James Blake ed è salito per la prima volta al terzo turno del Roland Garros. Sul campo, si intende. Perché come reddito, il giovane Gulbis vale i due messi assieme, e forse molto di più.

Spavento Sharapova con la cocciuta Rodina. Gianni Clerici, la repubblica del Strette le belle membra in un abituccio blu cerchiato di bianco, racchiuso il visino roseo in un cappellino dello stesso colore.

Allontano un istante lo sguardo da quel corpo sublime per sollevarlo al tabellone, e trasecolo. La prima del mondo appare in difficoltà contro una per me sconosciuta comparsa, tale Rodina. Una pastorotta, una che, messa sui blocchi a fianco di Sharapova, già avrebbe perduto un metro prima di partire.

Gli risponde, da me sollecitato, un collega che sa tutto, spiegando che Rodina, la pacioccona, è anche lei russa, viene da Mosca, e che darebbe la vita per battere Maria: Sbaglia tutto il possibile, mala sua grinta è, per natura, superiore agli orrori che perpetra.

Si trova, in quella, ae , ma butta di là due sassate feroci, e si salva. Incredula, la paciocca Maria Sharapova prende a non sbagliarne mezza, e si ritrova, sul , a due punti dal match.

Ma di nuovo la regina la fulmina, con un paio di saette intrise di disprezzo. E si sa come finiscono vicende simili: Fa per un set partita eguale con Nadal, poi scoppia. Ma, via via che continuava il match, Simone avrebbe preso il comando del gioco, per non mollarlo mai.

Bella partila, bella vittoria. Vincenzo Martucci, la gazzetta dello sport del Non eravamo abituati a un tennista offensivo e di qualità, ma freddo.

Perché il talento con la racchetta, in Italia, fa rima con Adriano Panatta. E quindi con reazioni evidenti, sangue e arena.

Cioè cuore. Poi è arrivato Simone Bolelli da Budrio. Troppo freddo per regalare emozioni? Soprattutto, il 22enne adottato da Roma, ride davanti ai frutti del duro allenamento con coach Pistoiesi e i preparatori fisici Ragalzi e Panichi: Ma sono stato bravo a rimanere calmo e lucido, e a spingere sempre.

Vedevo che mi sentivo sempre meglio e alzavo il livello e lui invece si poteva stancare. Per cui sono molto soddisfatto del mio match. Lampi Anche Furlan e Gaudenzi hanno avuto acuti da protagonisti nei grandi tornei, Bolelli ha in più il genio offensivo, il pugno del k.

Bolelli sigla con ace e servizio vincente il nel tie-break del secondo set, che riequilibra il match: Freddo, come quando salva 11 palle-break, fra primo e secondo set. Aiuterà Llodra, come è successo con me a Roma. Più di Llodra, il doppista tutto servizio-volée, che dice: Sarà un match molto difficile, anche perché devo recuperare dopo i miei 5 set, ho speso molto.

Comunque, lui mi piace. Daniele Azzolini, tuttosport del PARIGI Non era giorno di principeschi slanci tennistici, né di inebrianti riflessi nello specchio della propria bravura Era giorno di lotta, semmai, e di tribolazioni. Uno di quei giorni in cui il tennis molto somiglia alla boxe, ed occorre dispersi a schivare e attendere il momento buono per la replica, magari conquistando il centro del campo a piccoli passi e scoprendosi coraggiosi ogni minuto di più, mentre da dietro i guantoni si scrutano gli occhi avversari divenire via via inquieti, insicuri, infine arrendevoli.

Simone Bolelli non si è sottratto alla doverosa incombenza, anzi ha accettato il confronto con le difficoltà, mostrando alla fine il lato B del suo carattere, che è solido e determinato, ben più di quanto non si conoscesse.

Ma soprattutto, vincente. Eppure, Simone ha saputo replicare, intuendo subito in che tipo di partita si fosse cacciato. Resta il solo azzurro, Bolelli. La giornata ha strappato dal torneo Potito Starace, -battuto da un Andreev, tal russo più invidiato del circuito, da quando inciucia con la Kirilenko… , capace di due set quasi perfetti, Volandn e Seppi, si sa, avevano già timbrato il biglietto di ritorno.

Schiavone, Pennetta e Knapp le ragazze ancora in gara. Pattuglia azzurra di molto ridotta, come si vede, ma ancora viva e combattiva. Per Bole è la prima volta al terzo turno di uno Slam, tanto per rimarcare la sua crescita.

Avrà il francese Llodra, che ha battuto Berdych in cinque set, e sarà un match da campo Centrale. Attacca su ogni palla, è mancino. Llodra è anche un bel tipo di mattocchio, uno capace di nascondersi nudo dentro lo stipetto di Ljubicic, nello spogliatoio di Miami, per saltargli addosso quando il poveretto fece per aprirlo.

In più, avrà il tifo dei francesi Ma questo preoccupa meno Simo. Anche lui piace da queste parti. Due match sono stati sufficienti per capirlo.

Al Roland Garros colloquio con un pionere del gioco e delle puntate live niere: Pagine e pagine sono state scritte sulle scommesse, quasi tutte da parte di giornalisti incompetenti non meno di me.

Scommettitori professionisti, come il mio Pioniere, sono stati accusati di valersi dei cinque secondi intercorrenti tra il punteggio de visu, e quello che giunge agli utenti tramite il satellite.

Chi ci è andato di mezzo, invece, siamo stati noi. I veri illeciti non sono di certo i nostri. Di questo si è parlato, e scritto. La Federazione Internazionale, e Sindacati donne e uomini hanno partorito un mattone di sessantasei pagine chiamato Environmental Review of Integrity of Professional Tennis.

Sono stati messi sotto indagine 45 tennisti. Ma i soli che hanno beccato. Ringrazio, estraggo la penna, e domando a nome di chi devo dedicarlo. La mia curiosità si ravviva, tanto da invitare il giovanotto per un caffè.

Sa tutto di tennis. Mi spingo a chieder di più e: Mi chiami pure Pio- sorride Pio — sono stati cinque poveri italiani, veri e propri capri espiatori. Tanto ingenui da scommettere con le loro belle carte di credito, con i loro nomi.

Premiarli, avrebbero dovuto. Uno, Bracciali, aveva addirittura scommesso la somma di cinque euro. Confido a Pio che il famoso match di Davidenko non finisce di lasciarmi perplesso. Come i più attenti aficionados ricorderanno, il russo, n. Cosa ne pensa, Pio? Come voleva lo scarto di classifica.

Alle nove del mattino Vassallo Arguello era offerto a cinque, e Davidenko a 1, Pio sorride, come farebbe con un bambino. Arichiviati, almeno per me, i dubbi su Davidenko, non mi resta che domandare quali altre partite abbiano riscosso i dubbi di un professionista quale il pioniere. Il tipico match taroccato si svolge tra un tennista che è magari n.

Non mi resta che ringraziarlo. La mia sprovvedutezza è un tantino meno assoluta. E sempre la stessa domanda: Marie, ha già avuto due carriere: Ma se vedo che non torno competitiva ad alti livello, non torno.

Nel ho perdonato tutto e ho cambiato la mia vita quando ho creato una speciale relazione con Nostro Signore. Mary o Marie per me è lo stesso, come le lingue.

In bocca al Lupo, Marie. Dario Torromeo, il corriere dello sport del Tutti gli enti coinvolti forniranno un piano anti-cor ruzione.

Il piano sarà fecalizzato sulla prevenzione. Resta in vigore la squalifica per i giocatori che han no scommesso. Resta in vigore la squalifica per i rappresentati dei tornei che hanno scommesso. Sarà rivisto il sistema di accredito per tutti i tornei.

Solo giocatori e personale dei tornei avrà accesso agli spogliatoi. Ci sarà un modulo per la denuncia dei tentativi di corruzione. Sarà uno solo il tribunale per le controversie sul tema. Ogni giocatore colpevole sarà punito fino alla squalifica a vita.

Sarà stabilito una strategia di pubblicizzazione del programma. Nel progetto saranno coinvolte le autorità di altri sport. Finora sono stati cinque i giocatori squalificati per avere scommesso online. E sono tutti italiani.

E su queste stanno lavorando. I due ex detective di Scotland Yard hanno comunque escluso il coinvolgimento della mafia, russa o italiana, nella vicenda. II brasiliano Bellucci tiene in ansia Nadal. Daniele Azzolini, Tuttosport del Tanti piccoli scatti, nei quali il fisico dovrà mostrarsi reattivo e la testa in grado di sostenerlo.

Un tennis diverso, che pone ai tennisti un problema in più e li costringe a un confronto persino brutale con se stessi.

Prendete Seppi. Insomma, è la pioggia che fa i match, che smonta le strategie, che obbliga a riscriverne di nuove.

Certo ne terrà conto Nadal, che aveva fretta di vedere chi fosse questo Bellucci spuntato dal circuito juniores, di cui gli avevano detto un gran bene. Niente che possa impedire a Rafa di ottenere la sua ventiduesima vittoria consecutiva nel torneone, ma le informazioni appaiono sufficienti per non sottovalutare il valore di un ventenne molto alto oltre 1,90 e molto tosto, mancino come lui, gran colpitore, dotato di buoni schemi e di una certa improntitudine.

Uno che molto ha dei predestinati, visto che in cinque mesi ha scalate posizioni in classifica portandosi al numero 75 a suon di vittorie nei challenger quattro, di cui tre consecutive.

Santiago, poi Flonanopolis, Tunisi e Rabat. Bellucci è al suo primo Slam, e già fa paura, ne parlano come di un sicuro Top Ha geni italiani nel sangue, ammesso che lo sappia, e potrebbe ambire al duplice passaporto, se la federbrasileira non avesse provveduto per tempo a schierarlo in Davis e ad assicurargli un posto nella squadra olimpica.

Ma è storia vecchia, questa, seppure curiosa il suo. Bolelli cresce ma non è ancora Pietrangeli. Non avevo più avuto occasione di rivolgere la parola a Marco Baghdatis dopo la finale degli Australian Open , che aveva perduto contro Federer.

Oggi mi sono ritrovato solo con lui, in una press room disertata dai più, dopo che era stato sommerso da Simone Bolelli, che gli aveva lasciato otto stracci games.

Ma, anche di rovescio, non è male. Ci sono anche altre premesse, che oso definire storiche, poiché da Bologna sono usciti non meno di tre grandi tennisti. Città dunque eguagliata soltanto da Roma, che è un pochino più grande. Ha battuto in Davis Karlovic Risultati – Uomini: Bolelli b.

Baghdatis Cip ,,; Federer Svi b. Querrey Usa , , ; Andujar Spa b. Volandri 6 , , , Dulko Arg b. Errani,,; Jankovic Srb b. Niculescu Rom 3 , ; Knapp b. Muller Cer , ; V.

Williams Usa b. Obziler Isr ,, Sarà la prima tennista a farlo. Bolelli cresce ma none ancora Pietrangeli. Rino Tommasi, la gazzetta dello sport del Almeno le sue intenzioni sono quelle di continuare nel tentativo di recuperare classifica e condizione accettabili. La storia di questo giocatore contiene momenti di grande interesse per chi volesse studiare la delicata psicologia di questo sport.

Pochi giocatori possono recriminare di non aver vinto un torneo del Grande Slam come Cono che nel ha perso proprio al Roland Garros contro il connazionale Gaston Gaudio, una delle più incredibili finali della storia. Se aggiungiamo la sconfitta nella finale del Foro Italico del contro Rafael Nadal possiamo almeno parzialmente capire come il giocatore, che ha appena 26 anni, sia precipitato in una crisi dalla quale non sarà facile uscire.

Ci sono anche una squalifica di sette mesi ed una multa di Sta di fatto che la sua classifica attuale è numero Ieri Cono ha perso in 4 set con Tommy Robredo. Gentilmente Robredo ha dichiarato che Coria, contro il quale aveva perso tre volte in carriera, tornerà quello di prima.

Non sarà facile. Eleganza e rovescio. Il re risponde, serissimo: Ha colpi e ha talento. Ci ho anche palleggiato anni fa e ho subito visto che aveva qualità, ma allora mi chiedevo se avrebbe fatto il salto di qualità mentalmente.

Si muove bene e penso che sia cresciuto sulla terra. Non mi sorprendo, gioca bene. Dipende da lui… Quanti anni ha? La voce tecnica di Sky, Paolo Bertolucci, suggerisce: La palla passa a Bolelli. Che i numeri tennistici li ha sempre avuti: Prossima fermata del n.

Per superare finalmente il secondo turno di uno Slam. Paolo Bertolucci: Bolelli emoziona e incassa gli elogi di re Federer.

Daniele Azzolini, il messaggero del Come Tomba. Come Valentino. Tipi nati a un passo, cuore di Romagna e un pizzico di dna cittadino, che fa più faccia tosta. Testa da città e piedi contadini, ben piantati in terra, la differenza è tutta qua.

Se poi si restringe la ricerca al tennis, figurarsi, gli esempi sono anche più lontani. Appassionava il rovescio di Paolino Cané, che fu ribattezzato turbo rovescio da un Galeazzi ai suoi massimi nazionalpopolari. E il servizio tosto di Ornar Camporese, che se non fosse stato per quei piedoni da maggiordomo chissà dove sarebbe arrivato.

Come dite? Faceva lo stesso Panatta? Baghdatis ne è uscito a pezzi. La brutta copia di Kuerten non ce la fa. Mi è stato risposto che Nadal preferiva fare vacanza, mentre la Henin era già stata gentile nel venir qui ieri, e spiegare le ragioni per le quali si divene di più a giocare al club con alcuni privilegiati amici.

Dopotutto, hanno ancora osservato i miei corrispondenti, abbiamo gettato uno sguardo sul passato, e uno sul futuro. Avevo assistito, dalle tribune Vip Very Important Pigs del Principato, ad una vicenda, se non proprio penosa, imbarazzante. Kuerten pareva, in qualche modo, una brutta copia dello splendido giovanotto ricciuto e barbuto del , capace di stupire tutti, di vincere incredibilmente partendo dalle retrovie.

A Montecarlo la vicenda era andata decisamente male, sino a sfiorare la catastrofe: Per abbandonare i ricordi, o simili, e tornare al pre sente, par giusto riconoscere anche a Djokovic qualità umane e intelligenza non inferiori a Kuerten. Non lo aveva certo entusiasmato il sorteggio, che destina il N.

Gli era toccato proprio Nadal, e non Federer, sul rosso avversario preferibile. In realtà, contro il tedesco Kohlschreiber, N. Ci sono ancora dodici giorni di vacanze parigine prima dei grandi scontri. Un cuore in rosso. Come, nel , quando il lungagnone dai riccioloni e dalla magica forza veloce dei campioni, schizzava fuori come un delfino dalle onde della misteriosa Florianopolis, scalando a sorpresa il paradiso del tennis.

Come nel , quando riemergeva ben tre volte dalle sabbie mobili della terra rossa e sparava in mondovisione quel sorriso felice, da brasiliano di strada.

Come nel , quando si lasciava prendere per mano dalla folla, dalla generosa e crudele folla dello stadio Philippe Chatrier, e resuscitava da un match point, dichiarando a questa gente eterno amore.

Realtà Ma Guga non è più Guga. Due operazioni alle anche lo hanno svuotato della sua prorompente vitalità: Ho giocato molto meglio di quanto mi aspettassi. Ho fatto tutti i colpi che volevo, quelli che ero capace di fare in passato, non con la stessa frequenza, ma almeno con la sensazione di averci provato una volta di più.

Cuore II tennis non è numeri e statistiche, il tennis è cervello, cuore, emozioni. Il tennis è personalità e anche pudore: Il tennis è vita: Ho avuto tanto successo, ho raggiunto tutti gli obiettivi, anche il numero uno del mondo.

Poi… poi è stata dura. Come tutti i fortunati che strappano partecipazione e sorrisi, anche Guga ha una maschera a due facce: Sipario su Kuerten il tennis col sorriso. Stefano Semeraro, la stampa del Numero uno del mondo nel , il primo brasiliano della storia, tre vittorie al Roland Garros, nel ,, e nel Alla fine della sofferenza contro Michael Russel, negli ottavi, e dopo la finale strappata a Corretja.

I riccioli biondi, la bandana, il sorriso da carnevale. Il tennis che diventava brasiliano, solare, leggero, per merito del ragazzo di Florianapolis dal rovescio fatato che amava il surf e sapeva toccare anche le corde della chitarra. Segnato dal destino: Ma incapace di ostentare cupezze, Gustavo, almeno in pubblico.

Per quattro anni Kuerten ha provato a recuperarsi, poi si è arreso. Florianopolis, Miami, Costa do Sauipe. Ultima tappa Parigi. Magliette giallo-oro ovunque, una torcida di cori e applausi.

Comunque un trofeo da alzare, consegnategli in campo dal Presidente della federtennis francese, e la commozione per la festa organizzata negli spogliatoi dal maestro di cerimonie Djokovic, che ha strappato i colleghi dalla doccia per accoglierlo. Capita a tutti. Oggi, su questo campo molto speciale, sono di nuovo felice come quando vincevo.

Ho attraversato grandi gioie e giorni difficili, il tennis mi ha fatto crescere. Larry Passos, suo coach di sempre, ieri gli ha regalato una bottiglietta piena della terra del centrale. Obrigado, Guga. Nel suo mirino ci sono Nadal e… Maradona.

Se riuscirà a vincere il Roland Garros, Novak Djokovic si porterà a casa il premio da un milione di dollari, i mille punti che gli spettano, probabilmente il secondo posto nella classifica mondiale e vorrà incontrare il suo idolo: Diego Armando Maradona.

Il suo uomo di fiducia, Benito Perez Barbadillo, glielo ha promesso. Che non sia semplice mettere in fila Australian Open e Roland Garros lo testimonia anche la storia. Ma Djokovic è un tipo speciale.

Lui è andato a prendersi gli Australian Open, dopo essere stato finalista agli US Open ultimo Slam della stagione II serbo è chiaramente un giocatore in ascesa. Novak ha stilato il suo programma, tre mosse e sarà in vetta.

Qui a Parigi attacca la seconda posizione di Nadal. A quel punto sarà il numero 1 del mondo e potrà attendere con tranquillità gli US Open, quelli che dovrebbero chiudere il cerchio. Se le cose andranno come si pensa, affronterà Rafa in semifinale. Fino ad oggi ha battuto solo tre volte lo spagnolo, sempre sul cemento.

Ha perso sempre sulla terra, compresi i quarti del Roland Garros e la semifinale dello scorso anno. Riecco il Roland Garros, tutto rosso, massiccio, temibile e assolutamente unico come Ayers Rock, la montagna sacra nel deserto australiano, la tappa di montagna più dura dei tennisti sempre più atleti e meno artisti.

Quanti anniversari. Borotra, Brugnon, Cochet e Lacoste. Adieu Dopo 4 successi, gli ultimi 3 consecutivi, Justine Henin getta la spugna alla vigilia dello Slam preferito. Sempre bocciata al Roland Garros. I tabelloni del Roland Garros, sorteggiati ieri, lascino ampi margini alla nostra speranza ma ci costringono anche ad essere realisti: Vediamo quali cammini attendono i nostri nello Slam parigino, quello più vicino alle abitudini e alle tradizioni degli italiani.

Il terzo turno contro Berdych è alla sua portata. Cammino aperto. Dopo il vincente di Young-Ginepri e eventuale terzo turno contro psycho-Gasquet: Cammino faticoso. Filo non pare in grado di reggere un torneo tre su cinque: Cammino immobile.

Cammino possibilista. Sperando che stia bene. Cammino tortuoso. Cammino spinoso. Cammino bloccato. Ammesso che non sia quella di Roma il suo cammino è comunque definibile come bloccatissimo. Cammini insuperabili. Eppure se servissero 15 milioni di dollari, li metterei domani Non voglio giocatori, voglio i migliori 56, uomini e donne, con milioni di dollari di premi.

Madrid passa da ottobre a maggio, da cemento a terra, sostituendosi ad Amburgo e sminuendo Montecarlo e Barcellona, e forse Roma.

In partenza il Roland Garros assalto al trono di Rafa Nadal. Le ultime tre edizioni del torneo portano il nome del maiorchino che da due anni si prende regolarmente il lusso di battere in finale Roger Federer.

Sconfitte che hanno fatto vacillare il numero uno del mondo per il quale Rafa rappresenta una sorta di incubo. Da dietro intanto si affaccia Djokovic, neo re di Roma e vincitore del primo slam stagionale in Australia senza dimenticare le ambizioni di Davydenko e magari Nalbandian o Fernando Gonzalez.

Stamattina il sorteggio del tabellone. Seppi a Portschach contro un incubo. Da quel giorno i due non si sono più incontrati e nel frattempo Seppi è cresciuto parecchio anche se lo ha dimostrato a corrente alternata.

In un torneo di quelli che gli vanno a genio renda al meglio nei luoghi ove la lingua madre ed tedesco. Andreas deve oggi dimostrare di aver elaborato quella sconfitta.

Corriere dello sport Un centrale ricreato in formato ridotto. Il campo, che sarà accessibile a tutti gratuitamente, è stato realizzato con fondi della Federazione francese di tennis. Prima di tutto bisogna dire – bene – di Andreas Seppi e del suo coach Massimo Sartori.

Ad Amburgo il nostro ragazzo è approdato alla sua prima semifinale in un Masters Series giocando un tennis perfetto e lottando come un leone contro il beniamino di casa Kiefer, nei quarti, in una bolgia infernale e non lasciandosi innervosire dalle troppe e troppo vergognose decisioni casalinghe dei giudici di linea.

Intanto Andreas guadagna posti in classifica e migliori tabelloni in futuro. Guadagna anche soldi, che lui e il suo coach si strameritano perla serietà con la quale hanno portato avanti un progetto fatto di attenzione, amore per i dettagli, fatica e sacrifici.

Anche il giovane bolognese è infatti giocatore buono per tutte le superfici e si avvale di un coach altrettanto bravo qua! Concordo invece con quello che ha detto lo svizzero dopo il match, e cioè che i margini delle sue sconfitte sulla terra con Nadal si stanno sempre più restringendo e che questo lo rende ottimista già per il prossimo Roland Garros.

Perché questo non succeda occorre qualcosa che si avvicina al miracolo, e cioè un equilibrio perfetto tra forza mentale, gioco impeccabile e fortuna. Sono sicuro che è molto vicino a farcela.

Non ce la faccio a chiudere senza aver espresso il mio quasi definitivo disappunto per il bassissimo livello di gioco che sta esprimendo il tennis femminile.

Non riesco a darmi una risposta, salvo che non si voglia prendere per buona quella che rimanda a un certo voyerismo ben poco edificante. Dici bestia nera e pensi a Rafa Nadal. E, magari, non trova altre soluzioni. Non sulla terra rossa.

E allora il problema diventa psicologico. Fatte le debite proporzioni, Borg sta a Nadal come Panatta sta a Federer: Fuori dal campo, Federer e Nadal sono amici, come una volta Panatta e Borg. Che diceva Bjorn dei vostri duelli?

Ma, in generale, non ha mai amato parlare di tennis, e non mi ha mai detto come si sentiva quando giocava contro di me. Ma io lo so, lo sentivo. Non potevo leggerglielo negli occhi, perché lui, svedese, non esterna, ma in campo gli davo fastidio. E gli altri mi raccontavano che, quando guardava il tabellone, cercava sempre da che parte stavo io.

Mentre io avevo sempre una grande fiducia. Anche perché, a differenza di Vitas Gerulaitis, che aveva velocità e tocco, ma ci perdeva sempre, io avevo anche la potenza. Nemmeno di grande qualità, come Borg. Poi, una volta, mi dissi: Stefano Semeraro, la stampa del Era Parigi.

Era il maggio del Una rivoluzione dentro la rivoluzione. I giocatori vagavano attorno ai campi del Roland Garros imbattendosi in quelli che erano vecchi avversari e vecchi amici allo stesso tempo, ed esclamavano: Non posso credere che sia vero, e tu?

Era vero. La chiusura di uno scisma antico. Wimbledon aveva pochi anni, le signore si esibivano in cappellini e sottane immacolate.

I primi match professionistici ufficiali risalgono al , fra il ceco Karel Kozeluh e il tedesco Roman Najuch. Browne, incassando – pare Dopo di lei, un diluvio di fenomeni. Erano disperati! Una fatwa, lanciata e ribadita per decenni dai parrucconi della federazione Internazionale.

I mercenari, nel frattempo, si sudavano il salario. Affrontandosi in posti anche improbabili, per compensi a volte discutibili. A Karthoum, in mezzo alla rivoluzione, per mille dollari. A La Paz, per un orologio. A Nottingham, su un campo più lungo di 60 centimetri.

Mike Davies nel , al suo primo match da professionista, schifato dal misero spogliatoio chiese dove poteva appendere gli abiti. Tournée di 60 match in 80 giorni, spostamenti folli in macchina.

Laver rimase nel limbo 5 anni, Rosewall Quanti altri Slam avrebbero potuto vincere, i campioni del mondo? Poi venne il Roland Garros. Parigi era in piena rivolta studentesca: Anche 34 tennisti, fra cui Hoad e Pietrangeli, non riuscirono a raggiungere in tempo Parigi; in finale arrivarono i soliti due, e questa volta Ken, il Piccolo Maestro, vinse in quattro set su Rod il razzo, Per i più bravi erano in arrivo gloria, comodità e soldi.

La Jankovic acciaccata fa il bis e consola baby-Cornet in lacrime. Pianto Come in tutti i gialli, il pubblico di Roma merita un colpo di scena. Che è il pianto disperato di baby Alizé Cornet, 1 Senne di Francia, arrivata a sorpresa in finale — la prima di sempre dalle qualificazioni —, come n. Star La cosa bella è che la francesina continua a disperarsi anche nel pre-premiazione: Per poi tornare star: Sono molto felice di aver vinto nuovamente.

Ma non è stato facile perché avevo tutta la pressione addosso, mentre lei non aveva nulla da perdere. Comunque, malgrado il nervosismo iniziale e poi il dolore al collo non ho mai pensato di abbandonare. Jankovic Ser b. Cornet Fra Ha vinto, come lo scorso anno, Jelena Jankovic, ma ci è mancato poco che il nostro Campionato della Mutua facesse una vittima vera, dopo le molte immaginarie.

Dopo un minuto di incertezza, arrivava sul campo la fisioterapista Ashley Keber, che ha circondato il collo della tennista, ed ha iniziato a massaggiarlo. Fortunatamente per tutti, la piccola Cornet, immersa in un pianto disperato, non era stata in grado di intendere cosa il destino le stesse riservando.

Era partita in modo disastroso, la piccina, con una serie di errori gratuiti clamorosa, qualcosa come venti nel solo primo set, inclusi tre servizi smarriti. Ma la piccola, ahilei, era scesa in campo battuta. A contatto quotidiano con civili aficionados, mi son sentito più volte rivolgere suggerimenti da spettatori frustrati, che avevano magari sborsato cinquanta euro per assistere a un solo match, e non proprio esaltante.

I più severi ritengono che il comico certificato emesso dalla stessa Women Tennis Association, andrebbe sostituito da un altro, stilato da un medico neutrale, che magari assegnasse alla cosiddetta malata una settimana di convalescenza, o meglio due, costringendola a saltare il Roland Garros parigino.

Temo non ci siano autentiche difese, contro i capricci dei divi malati, se non un principio contrario alla filosofia del gioco, che assimila la sconfitta ad una morte simbolica. Riammettere la giocatrice battuta dalla ritirata.

Ma il nostro, della Mutua, resterà sempre un mezzo Slam. Di più, di meglio, purtroppo non meritiamo. Una tv per il tennis italiano. Mario Viggiani, il corriere dello sport del Come sempre, ieri il presidente federale Angelo Binaghi ha dato i numeri.

Quelli del torneo, ovvio. Ma stavolta non solo, nel senso che ha annunciato una novità importantissima legata al tennis nazionale. CANALE TV – In autunno diventerà operativo sul satellite canale del bouquet Sky un canale tutto dedicato a questo sport in partnership con Rai Trade, il più importante produttore italiano di canali tematici dedicati allo sport firma infatti quelli di Juventus, Inter e Roma.

Flavia Pennetta ad Acapulco. Ci sarà poi spazio per una disciplina emergente e promozionale come il beach tennis. Rispetto al passato, ci saranno due campi in più per consentire un adeguato svolgimento del torneo. Anche senza il risultato di ieri della biglietteria, sono stati venduti Genitori imprenditori per m sport.

Anzi, per tennis. Nel Mondo e in Italia. Per inadeguatezze strutturali del tennis italiano, per puntigliosità e ambizione dei padri? Camila Giorgi. Lui, mamma e 14 figli, Antonella oggi 21 anni , Leandro 18 , Garrula io e Amadeus Gli ostacoli? Camila ha vissuto undici anni da kamikaze.

E la solita certezza: Maledizione ritiri anche la Sharapova salta la semifinale. Era stata in vantaggio, la Patty, ma alla stretta finale del secondo set aveva dovuto arrendersi sotto la pioggia di missili della russa.

Nel raggiungere oggi il mio loculo televisivo mi dicevo che, vista la Maria di iersera e la Jelena Jankovic del match convenus, avrei assistito ad una finale anticipata, un gran bel match.

Ma non facevo in tempo ad aprire i miei libri, a ripassare la lezione, che giungeva una staffetta sconvolta, ad annunciarmi che la Sharapova si ritirava.

Da molte fonti non ufficiali, si veniva via via a sapere che la stessa diva sarebbe venuta più tardi, a suo talento, a spiegarci perché. Con il suo aiuto, sarei riuscito nella non facile impresa di mettere le mani su un documento compromettente, un documento del quale non sono in grado di segnalare la fonte per non ritrovarmi in tribunale.

Lo riproduco, con qualche perplessità. Questa mattina, dopo un ultimo disperato tentativo di un amico professionista, sono stata costretta a tentare il tutto per tutto, e a dirigermi verso San Pietro, nella speranza che una papale benedizione riuscisse a risanarmi.

Scandalo al Foro. Salta il terzo semifinalista su quattro, uomini compresi. E diventa terribilmente complicato compilare un referto ufficiale dello stiramento al polpaccio sinistro denunciato dalla sibcriana. Prima il della 21 enne numero 8 del mondo parziale di e i lamenti della 1 Senne numero Poi il della pianista di Nizza parziale di , la prima finalista di Roma che viene dalle qualificazioni: Infine, dopo il tira e molla di paura e incertezza, la biondina russa con la coda di cavallo regala il break a zero alla biondina francese con la visiera, e il I bookmaker la danno a 3.

ROMA РUno scandalo. Un record ed ha candidamente confessato: Le abbiamo chiesto: Ci ha risposto: Ecco, a nostro avviso lo scandalo ̬ qui, in queste parole. La Sharapova non ha alcuna remora ad ammettere che avrebbe potuto andare avanti, ma ha preferito non farlo.

Il tennis non è un gioco di squadra dove sostituisci un giocatore con un altro. In questo sport se ti ritiri, non ci sono rimedi.

Il torneo è falsato, gli spettatori sono penalizzati dallo spettacolo mancato; organizzatori, sponsor e televisioni pagano un danno economico pesante. Cinque ritiri nel maschile, tre nel femminile. Una sola semifinale su quattro giocata sino alla fine.

Ieri il colpo definitivo, il forfait della giocatrice più seguita: Maria Sharapova. Questo genera il caos nei comportamenti, nelle scelte, nelle decisioni.

Si continua a ballare, senza guardare gli iceberg pronti a fare affondare la nave. Maria Sharapova dice di avere accusato i primi dolori durante il quarto di finale contro Patty Schnyder.

Aggiunge di essersi sottoposta a tre ore di massaggi dopo quel match, di essersi addormentata solo alle 3. Al risveglio, appena poggiato il piede sinistro per terra, ha capito che non avrebbe potuto giocare.

Anche Jelena Jankovic ci è rimasta male. Oggi sarà in campo per difendere il suo titolo, a sorpresa, contro la qualificata Alizé Cornet. Jelena non si è tirata indietro. Ma è andata avanti.

E per la prima volta nella sua carriera ha conquistato la possibilità di battersi per un titolo senza giocare la semifinale. La Sharapova si è ritirata.

Le hanno diagnosticato uno stiramento al polpaccio sinistro, consigliando tre giorni di riposo. Ieri, dopo ripetute richieste, la Wta ha finalmente mostrato un formulario compilato dal medico responsabile del torneo femminile.

Le pene per forfait alla vigilia dei tornei sono ridicole, soprattutto in rapporto ai guadagni delle giocatrici. E quando si arriva a considerare normale la dichiarazione di ritiro in vista del prossimo torneo, il livello di guardia è al limite della sopportazione.

Salgono a otto gli abbandoni tra uomini e donne Tre semifinali su quattro saltate nei due tornei! Sharapova fa la Diva di un tennis minore. Il bilancio su terra delle sfide tra Nadal e Federer è di 7 vittorie a una per lo spagnolo.

Credo che anche Federer, senza confessarla, abbia la stessa convinzione a meno che la lezione di Montecarlo perché di lezione si è trattato gli abbia fatto cambiare idea. La Jankonvic batte Venus soffrendo. La quale per giustificare il suo ritiro dal torneo romano ha ieri affermato, con una dose di quel particolare tipo di eleganza molto presente nel dna della sua famiglia: Vicende williamesche a parte, di cui si riferirà fra poco, la frase di Serena potrebbe essere applicata con successo alla vicenda sportiva di Andreas Seppi: Roddick si è ritirato dopo aver fermato con un match-capolavoro il cammino di Simone Bolelli; ieri Serena manco è scesa in campo dopo aver battuto, il giorno prima, Sara Errani; Nadal e Federer hanno perso match che dovevano vincere giocando con un stecca da biliardo e Andreas Seppi, che è ora il nostro n.

Era in vantaggio di un set e nel secondo: Nel Seppi prestazione romana a parte è cresciuto, ha vinto il Challenger di Bergamo dove il tabellone era impegnativo e ha battuto Nadal a Rotterdam. Contro re Federer ha un solo precedente: Il Roger visto ieri è buono ma non buonissimo.

Già Serena. Si correva il rischio di dimenticarla. Si è ritirata, secondo più secondo meno, due minuti prima di scendere in campo. Giustificazione ufficiosa: Certificazione ufficiale: Affermazione più simpatica si fa per dire, figuratevi le altre: Dichiarazione meno simpatica appunto: E ieri manco soffiava, il Ponentino.

Giovanni di Natale, il giornale di Sicilia del Sorelle sempre. Serena si ritira, Venus perde. Le Williams fanno discutere anche quando lasciano il palcoscenico del Foro Italico.

Ambizioni e prospettive cancellate ieri. Il ritiro, comunque, è un giallo: Qualcosa non torna, ma poco importa. Tre set di spettacolo, la mig lior partita del torneo. È lei la favorita principale per la conquista del titolo. La francesina di Nizza, diciotto anni lo scorso gennaio, e numero 34 al mondo.

Se riuscisse a battere questo pomeriggio la russa Anna Chakvetadze, numero 6 del torneo e 8 nel ranking Wta, sarebbe la prima qualificata a raggiungere la finale del torneo di Roma.

Impresa mai riuscita prima. Ma non impossibile per chi non ha ancora perso un set, qualificazioni incluse unica tra tutte le semifinaliste.

Oh Maria, Maria. Cosa mi fai fare. Ti ho vista iersera, ho faticato a trovar sonno, per poi rivederti sul campo, e in conferenza stampa.

Se fossi Tommasi saprei esattamente quanti minuti ho passato a guardarti, ma cosa dico, ammirarti, a pendere da quelle tue labbra da bambina golosa. Ieri serai trovavo al ristorante, felicemente assise tra i protagonisti de Le Rose del Deserto, Monicelli e Haber, e Missoni, loro consulente nella qualità di prigioniero di guerra.

Miglior compagnia non era facile trovare. Ero avanti anche con il rosso, e insomma la tarda serata si presentava incantevole, anche perché, dopo una decina di giorni, sono vittima di intossicazione da tennis.

Rispondo riluttante, ed ecco la voce del mio partner, Tommasi. Vieni subito, mi ordina. La Sharapova sta perdendo. Che altro potevo fare. Ho salutato a malincuore gli amici, e via di corsa al Foro. Nella luce dei riflettori, la sublime Maria sia ggirava quasi smarrita, su quelle sue gambe incantevoli, dai muscoli sfilati, dalla pelle di raso.

Il tabellone luminoso indicava un incredibile due a zero al terzo perla sua avversaria. Era questa una delle mille Ova che stanno sommergendo il circuito, una piccolotta bruttina, tutta rovescio bimane liftato.

Non meno affascinante, in un abituccio questa volta blu, con un sottanino che il vento le avvolgeva spesso ad una coscia, quasi golosa giarrettiera.

Avrei voluto scendere in campo, secondo i regolamenti che lo consentono ai coach e suggerirle di tener semplicemente la palla in campo, liberandosi dalle tossine notturne.

Ma, fosse caparbietà o stanchezza notturna, una cascata di errori issava Carolina sino al cinque a uno. Qualsiasi altra tennista si sarebbe rassegnata a ricominciare tutto daccapo, con il terzo set.

Non Maria. E qui mi fermo: Jelena Jankovie è la campionessa in carica degli Internazionali. Ma lei mira più in alto. Vuole comprare un aereo, un piccolo velivolo per brevi spostamenti. Lei non avrebbe voluto, visto che era alla vigilia della finale, ma la mamma la signora Snezana, che in italiano si traduce Biancaneve ha detto che forse era il modo migliore per rilassarsi.

Non pensava che il pilota a un certo punto le avrebbe lasciato i comandi. Lei ha cominciato a sudare, a tremare, ma alla fine è andato tutto bene. Ieri questa bella ragazza dal volto orientale ha distratto Maria Kirilenko, lasciandole due game.

Dopo aver girato il mondo senza un coach fisso al suo fianco, da qualche tempo ne ha trovato uno, Ricardo Sanchez. Dice che le ha cambiato la vita, le ha insegnato a giocare sulla terra. Per una che punta al numero 1 del mondo, non è cosa da poco. E abbiamo scoperto che ha Roma nel cuore.

Stavo male, non riuscivo a vincere, non mi divertivo più. Andavo sul campo, ma avevo perso il sorriso. Non trovavo più le motivazioni, non ero la stessa persona che ero sempre stata. Sentivo il bisogno di tornare ad essere una ragazza che si riappropriava della sua vita.

Adesso la storia è cambiata, sono tornata a divertirmi. Sono sèmpre stati al mio fianco, ma devo ringraziare soprattutto mia madre che ha un ruolo importante nella mia carriera e nella mia vita. Lei mi ha sempre detto di pensare positivo.

Anche quando attorno a me era tutto nero, dovevo cercare la parte positiva. Credere in me stessa, continuare a lottare. Arrendersi era la strada che avrebbero preso i perdenti, io dovevo spingere per tornare quella che ero.

Mi sono detta: Sapevo che stava pensando se ritirarsi o meno, ma scoprire che lo aveva ufficialmente deciso, mi ha sorpreso. Quando si ritira un campione è un momento triste.

Cosa le piace del tennis? Lei ha detto che punta al numero 1 del mondo. Quanto pensa di dovere aspettare per realizzare il suo desiderio? Jelena, quella croce che porta al collo significa che ha una forte religiosità? Gli unici periodi dedicati al divertimento, sono da fine novembre a metà dicembre.

Più una decina di giorni subito dopo Wimbledon. Il resto sono viaggi, allenamenti, partite. Lei gira continuamente il mondo. Ne ho una anche a Miami. Buoni investimenti, bei posti. Ma sono semplicemente delle basi di lavoro. Torniamo alla corsa per il numero 1.

San Valentino. Vagliate le varie proposte questa mattina con l’amico Sandro dell’URP abbiamo deciso quanto segue. Alle ore 18,00 verrà spenta l’illuminazione pubblica di piazza della vittoria e del palazzo di città. Proporremo a tutti i ristoranti di cairo di aderire alla manifestazione e di servire i commensali a lume di candela.

Sarebbe bello anche trovare un gruppo di spin-bikers ma su questo serve l’iniziativa dei privati. Nei prossimi giorni, ulteriori aggiornamenti!

In ogni caso l’adesione di Cairo è sicura! Ok, sottoscrivo l’idea della cena a lume di candela, è un’idea originale, facile da organizzare e centra in pieno il tema della giornata.

Dovranno essere coinvolti i ristoratori in modo che preparino un menù “economy”, a prezzo fisso, per riempirsi il locale L’idea di organizzare nei locali della nostra città una cena tutta a lume di candela è molto carina!

Che ne dite??? Caro Sindaco concordo pianamente con la tua affermazione “obrobriosa tettoia costruita sul Ponte Stiaccini”. L’idea dei ristoranti illuminati solo da candele è carina! Anche noi cittadini potremmo collaborare con le iniziative mettendo alle nostre finestre una candela o lumino, che dir si voglia, per “illuminare” la nostra bella città lasciata al buio per l’occasione!!!

Che ne dite? Sindaco concordo con lei con l’affermazione “obrobriosa tettoia costruita sul Ponte Stiaccini”!!! E’ veramente inguardabile Musica in piazza, ma non il solito concerto, magari un bel coro ci sarà un coro, no?

Non è il massimo dell’originalità, anzi, ma sul momento, oltre allo spegnimento delle luci inessenziali, mi viene in mente solo di coinvolgere ristoratori e cittadini in una serie di cene a lume di candela. Magari seguendo menù a risparmio energetico, l’anno scorso alcuni food blogger avevano condiviso per la giornata menù simili, il pdf si trova qui: Riusciremo a fare il primo impianto per illuminare quella obrobriosa tettoia costruita sul Ponte Stiaccini.

Il Governo dovrebbe intervenire con delle specifiche azioni di contributo e sostegno a tali iniziative volte a ridurre il costo degli interventi. Effettivamente si consuma molto meno ma se non hai i soldi per fare l’opera Tutti in piazza..

Iniziano ad arrivare belle idee e ne sono davvero contento. Mi piace l’idea di spegnere Cairo alle 18,00 magari per un periodo di tempo che dobbiamo verificare. Poi le bike da spinning attaccate ad una dinamo sarebbero il massimo ma l’organizzazione mi preoccupa.

Chiunque voglia dare una mano si metta in contatto con mè e studiamo la cosa. Bella davvero! Prendiamo un certo numero di bike da spinning e le colleghiamo ad una dinamo in piazza della vittoria. Convochiamo dei pedalatori volontari. Il 13 febbraio all’ora stabilita produciamo energia elettrica “pulita” per illuminare il palazzo di città.

Mi offro per eventuale aiuto. Effettivamente la illuminazione delle aree esterne al palazzo di città è decisamente eccessiva, e sicuramente costosa. Concordo sul fato che vada rivista e ridimensionata. Tutta la illuminazione della città, va rivista Caro sindaco, credo ci siano già un po’ di persone che aderiscono privatamente all’iniziativa, ma sono contenta che anche l’Amministrazione aderisca ufficialmente.

Proporrei una manifestazione pubblica del tipo: La piace? Farei anche un invito ai cittadini perchè approffittino dell’occasione per spegnere la TV e organizzare una bella cenetta a lume di candela e giocare con i bambini alle ombre cinesi.

Basta poco, se tutti insieme partecipiamo. Continui a stimolare le nostre idee, ci fa un gran bene. Solo un momento di riflessione Enzo Bianchi, Il pane di ieri Oggetto: Il post mi ha indotto a saperne di più, e navigando ho trovato questa dizione dialettale di Don Enzo Bianchi, che racchiude la saggezza contadina delle ns.

Ed anche questa sull’orto, che voglio condividere.. Pensumie un po’,fioi.. AP Lockeed o pastori sardi? Ho forse altri problemi che fanno sicuramente meno cassetta elettorale. Peccato che non andiamo al voto per la Regione Liguria… avrei chiesto una legge a tutela dei raccoglitori di castagne!

La la prima legge per la tutela della coltivazione del castagno, pare sia stata emanata dai Longobardi nel VI Secolo dopo Cristo. Se nel ns. D’altra parte Slow food ha creato un presidio per le castagne secche di Calizzano e Murialdo Mi sembra che anche per AP, stiamo preparandoci a cantare il “De Profundis” La crisi dell’auto, la globalizzazione ne sono la causa Ma i lavoratori A.

Ma il risultato finale non cambierà. I freni li faranno in altra parte del mondo, dove abonda manodopera ed ove il salario costa 50 volte meno all’imprenditore che rischia i suoi capitali. Io spero che siano i fatti a darmi torto. Altra riflessione sui giovani: Tema scottante, non amato dai politici in quanto scivoloso e facilmente criticabile.

I rapporti tra chiesa ed istituzioni. A parte il fatto che lui leggeva Tex pure io ma Zagor era meglio… direi che le sue osservazioni sono state davvero interessanti. Ruolo importante lo ha avuto anche un mio Assessore di area sicuramente cattolica, Giovanni Ligorio. In ogni caso quello che ha osservato Angelo è vero: Dialogo con la Parrocchia: Yes, We Can Leggo commenti contrari alla collaborazione ed al dialogo con la parrocchia.

E’ sbagliato e denota atteggiamento di Kultura non dialogare con chi già opera con successo nel settore. Ovviamente ciascuno sarà portatore della propria identità e delle proprie convinzioni religiose e non, ma con problemi comuni da risolvere.

Dai che si parte Ok Giuliana, sono d’accordo con te. Ognuno è libero di credere a quello che vuole e deve essere libero di non finire in preghiera un pomeriggio passato a giocare o cantare o Occorre ritrovare capacità di iniziativa e fare progetti.

Li aiuti signor sindaco, e verrà fuori qualcosa di buono. Ognuno ha la libertà di credere e scegliere e per tanti altri ragazzi che non vanno in chiesa e non partecipano all’attività della parrocchia cosa rimane? Poco, molto poco.

Giovanni lo conosco molto bene e, nonostante che io e lui abbiamo un credo completamente diverso, più di una volta abbiamo parlato su questo argomento. Giovanni è una persona eccezzionale e il Comune di Cairo ha “acquistato” una perla rara. Tengo ha sottolineare che questa è solo la mia opinione e che non vuole essere un’offesa o una polemica per chi crede e svolge la sua attività all’interno della parrocchia, perchè tra le cose che non sopporto c’è la mancanza di rispetto per chi crede nonostante io non sia credente.

Come diceva De Andrè: Dura vita quella del Sindaco di Cairo. Soprattutto se del Partito Democratico. Se non fai le cose, vieni criticato — se costruisci progetti, vieni criticato. Un gioco a perdere? Durerà fino a maggio? Perché questo articolo proprio adesso?

Oggi invece non ricordo un onore simile , sulla prima pagina del quotidiano LA STAMPA Cronache di Savona è addirittura il capo redattore cairese ad entrare in tachle scivolato sulle scelte della mia giunta. Guarda caso oggi è anche uscito il nome del candidato cairese del PDL che è, come da mè preannunciato, Giorgio Garra.

Ho detto e ribadisco che una Amministrazione Comunale e il proprio Sindaco non devono influenzare una campagna elettorale provinciale: Visto che ero qui Stavo per uscire dal suo blog dove avevo apena commentato due post che ho visto quest’ altro nuovo post.

Sa che le dico caro Sindaco che lei ha ragione anzi no straragione Sarà,ma a me tutto questo parlare e fare sentenze mi fa venire una tristezza Tanta pazienza, troppa pazienza..

Abbiamo aderito! Grazie alle segnalazioni di tutti voi nei prossimo giorni uscirà il programma delle iniziative. Naturalmente ogni ulteriore idea realizzabile verrà vagliata. Grazie ancora per il Vostro prezioso contributo che permetterà a Cairo di dare, nel suo piccolo, un importante segnale di attenzione a queste tematiche….

Dopo l’adesione alla iniziativa, aspettiamo il dettaglio delle informazioni sulle iniziative. Il risparmio piccolo o grande sarà molto apprezzato dal cittadino. Ora attendiamo gli sviluppi organizzativi Pensare ad un “piano di formazione” per la popolazione in modo da creare lacoscienza del risparmio e del riciclo come hai proposto nel Progetto Montebelluna potrebbe essere sicuramente un buon coronamento.

Bella la nuova idea: La Stracairo non interessa nessuno? Possibile che non si legga nessun commento sulla stracairo? Sosteniamoli questi ragazzi e non che vediamo correre di sera per le vie isolate della città Consiglio Comunale?

Entra in scena la censura…. Quella che vedete è una chicca: Una azione di protesta messa in atto al mattino in Consiglio Regionale e al pomeriggio durante il Consiglio Comunale di Savona. A nulla sono valse le osservazioni del povero Stefano che faceva notare come fosse impossibile: Magra consolazione la possibilità di depositare il documento contenente le motivazioni.

Nulla da fare, decisione inflessibile. Stessa sorte è toccata al capogruppo della maggioranza Refrigerato. Mah, secondo mè questa è censura politica. Nel frattempo mi auguro che il PD, a livello nazionale, ripensi la propria posizione sulla riforma della legge elettorale.

Una riforma che, mi dispiace, ma non condivido neppure io…. Che bello leggere tante posizioni animate in merito alla vicenda, segno che interessa il cittadino.

Giova ricordare che il cittadino è stufo di diatribe e dialettiche insulse sul nulla espresse da minoranze microscopiche E’ l’ora dell’aggregazione, dell’ordine democratico e di fatti concreti. Leggo da notizie di stampa odierne che la “Rosa Bianca provinciale” scende in campo a difendere la sua unica rappresentante in consiglio comunale e mette in dubbio le alleanze elettorali in fase di tessitura del partito con il centro sinistra.

Da cittadino mi viene da pensare che sia un gran bene non fare alleanze con un micro movimento che è e sarà sempre solo di disturbo. Quindi non tutti i mali vengono per nuocere Lasciamo che si contino tra di loro. Allo scrittore che lamenta la censura sul blog dei “compagni”.

Io da lettore sarei ben lieto di vedere ben esposte le idee sue e di altri, anche se contrarie ma costruttive. Invece no, solo banali critiche.. Dai,forza abbiate il coraggio di esporle le Vs.

Il viso è importante per determinare il carattere delle persone, ma le idee poche e ben confuse le qualificano ancora di più I andrebbe fatto anche a coloro che decidono di fare un tratto di “strada politica” con loro Osservale, conoscile..

Non è una medicina necessaria da far trangugiare ai cittadini. Lo diceva Lombroso, poi è stato smentito, ma secondo me tutti i torti non li aveva Eccolo qui Mi sembrava strano che dopo alcuni mesi nessuno avesse ancora parlato di “compagni”. Evidentemente toccando questi argomenti c’è chi non riesce ad inacidirsi e allora ecco che torna lo spettro dei “compagni” Quelli che mangiano i bambini NO, non puoi.

Scusi possiamo spiegare perchè andiamo via? No, non potete! Parlerete quando ve ne sarete andati Scusi possiamo dire due parole? Ho detto di nooooo, e basta Ed allora visto che non posso parlare, ti prometto che non parlerai più neppure tu! Bang Bang.. Plaudo da cittadino alla notizia di stampa che si sta pensando di modificare lo statuto per eliminare la figura del presidente del consiglio comunale!

Viva la semplificazione. La censura deve indicare che qualcosa “non fa parte della morale corrente” ma non tutela la libertà di nessuno, anzi, la censura DA SEMPRE è un modo per reprimere la libertà. Buona giornata! Beh, l’argomento legge elettorale è semplice se si aprono gli occhi: Con l’eliminazione delle preferenze, di fatto, a cosa servono le elezioni se poi i deputati e senatori sono nominati dai partiti?

Come facciamo a non pensar male, a non credere che ci mettano i loro amici in quei posti? Le elezioni ormai servono solo a stabilire “quanti” amici si porta dentro un partito quello che vince le elezioni ne porta di più di quello che perde.

E poi si parla di distacco dalla politica Non chiedano il nostro appoggio o complicità. Basta votare delle bandierine!

Ben vengano le proteste, anche se ancora troppo poche. Purtroppo ne vedrete delle belle, grazie al presidente del consiglio comunale. Come ebbi già a pensare Vi scrivo direttamente dall’Aeroporto di Roma da cui sto aspettando l’aereo di ritorno a casa dopo la mia giornata romana per Ferrania anche l’orribile foto della web cam ve la mando in diretta per testimoniare l’alzataccia di stamani.

E’ stato un incontro molto partecipato azienda, ministero, regione, provincia, IPS, il Prefetto Nicoletta Frediani, sindacati e noi poveri tapini del Comune di Cairo.

Quali sono le novità: Quello che è successo oggi non è la soluzione del caso Ferrania ma è un buon passo avanti verso la soluzione. Ai posteri verificare se ci riusciremo. E adesso vado a prendermi un caffè Va benissimo cosi,spero che chi è contrario ai cantieri scuola lavoro e relativa integrazione al reddito,in campagna elettorale lo dica chiaramente.

Sono documentato quanto voi circa il sostenimento dei costi per i “cantieri-scuola”. Il mio commento era mirato alla “foga” con la quale i cassa integrati lavoravano per le vie di Cairo.

Se anni addietro avvessero lavorato o prestato il loro impegno con più zelo forse non si sarebbe arrivati e questi punti. Dispiace per le decurtazioni agli stipendi soprattutto di questi periodi, ma non siete d’accordo che se in quel sito si fossero affrontate le cose in maniera più seria, da parte di tutti, ora non ci sarebbe necessità di cassa integrazione ecc.?

Tantissimi dipendenti Ferrania o 3M, finito il loro turno di lavoro, sono sempre andati in giro a fare gli imbianchini, i muratori, i saldatori e altre mansioni; non pensate che se una persona lavora con impegno per le sue 8 ore quotidiane, non abbia più l’energia per affrontare anche una sola mezza giornata di altro lavoro?

Forse dovete riflettere su questo. Chi é causa del suo mal pianga se stesso. Fermo restando la solidarietà a quelle persone che per effetto di questi tagli, vivono veramente situazioni difficili.

Sicuramente sei giovane. La mia generazione di destra e di sinistra non se la scorda: E’ stata scritta nel maggio durante l’occupazione dell’Università di Roma seguita all’uccisione dello studente Paolo Rossi da parte dei fascisti, avvenuta il 27 aprile Pare l’abbia scritta in una notte, prendendo spunto dalle conversazioni che una certa vecchia borghese faceva in un bar a proposito di quell’occupazione e di presunte orge sessuali e dalla cronaca di un piccolo sciopero avutosi a Roma in una fabbrichetta, dove il padrone, certo Aldo, aveva chiamato la polizia contro i suoi operai che facevano picchettaggio.

Paolo Pietrangeli classe è divenuto poi il regista del Maurizio Costanzo show Canale 5 – a libro paga del Berlusca Purtroppo il momento che lei auspica,temiamo sia vicino,visto che c’è chi a colpi di maggioranza vuole demolire costituzione e leggi tra le quali quelle che regolamentano i diritti dei lavoratori.

Per fortuna lei è ancora libero di criticare,come noi siamo liberi almeno per il momento di difendere la nostra categoria anche perchè prima di esprimere un giudizio abbiamo la premura di informarci, tentando di evitare giudizi affrettati e privi di fondamento.

Le suggeriamo, se vuole avere una visione più realistica delle cose, di recarsi presso il Comune di Cairo od un altro a sua scelta a chiedere informazioni sull’ operato dei lavoratori in questione. Paolo e Eros. Vedo che lor signori cassintegrati di Ferrania si sono irritati e continuano a difendere le loro posizioni.

Quindi poichè il post è del sig Sindaco, ed è letto da molti cittadini, è bene che si superi la sterile diatriba e si contribuisca con idee e fatti al post di Febbraio Quindi possono anche essere di anonimo o di un nome di fantasia -es.

Ma che bello, qualcuno protesta per un giudizio espresso da un cittadino che li ha visti all’opera Il discorso si fa più complesso se parlassimo delle norme della cassa integrazione: E se io imprenditore ti offro un lavoro o lo accetti o ti debbono togliere la cassa integrazione Ma questa è un’altra storia da scrivere Lei forse non ha avuto in famiglia qualcuno che ha lavorato li?

Io si, e sono fiero del lavoro che hanno fatto i miei genitori,lavoro che mi ha regalato una minima ma dignitosa sicurezza e a cui ho potuto accedere anche io,purtroppo in un momento già segnato dalle scelte infelici citate prima.

Inoltre, se lei si fosse documentato almeno un poco, saprebbe che i responsabili dei progetti presso i comuni si sono dimostrati entusiasti della disponibilità e professionalità dei lavoratori. Crediamo sia più opportuno stigmatizzare l’atteggiamento di quei comuni pochi per la verità che, non aderendo all’iniziativa, si sono preclusi la possibilità di avere un servizio a costo QUASI ZERO e di integrazione al reddito dei cassaintegrati.

Da Roma qualche segnale positivo Il tuo lavoro é sicuramente encomiabile, sono sincero. Ma per chi viene fatto? Per quelle persone vestite di arancione che si trascinano per le vie di Cairo con il badile sulla spalla? Stanno veramente dimostrando quale é sempre stato il “modus operandi” in quella fabbrica.

A chi legge lascio le considerazioni Mi associo allo “speriamo bene”, e mi chiedo se c’è qualcosa che noi comuni cittadini possiamo fare, oltre che tifare per questo progetto e continuare a sperare.

E allora un po’ di grazie li dico anche io. Grazie per “Mi illumino di meno”, grazie per l’importanza che lei da ai nostri commenti, grazie per far sentire meno soli “quelli della Ferrania” e anche “quelli dell’Ap”, grazie per questo blog che ha quelle come me che tengono un blog è stata una scoperta gradevolissima, grazie per l’informazioni, grazie per l’iniziative, grazie per essere un sindaco che parla e fa parlare.

Non ci deluda sarebbe una brutta ma brutta delusione. E oramai di delusioni io non ne posso più come non ne possono più tanti dei suoi concittadini. Guardi che ci spaventa i nostri figli. Scherzi a parte forza e coraggio anche se sembra proprio che a lei il coraggio non manchi. Speruma ca sia ra vota bouna In qualsiasi dialetto o lingua, basta che finisca una volta per tutte la telenovela Ferrania Grazie – Sindaco – per l’aggiornamento in tempo reale.

Quali sono i vantaggi di un distributore di questo tipo: Unico problema: Se conoscete le persone giuste… Segnalatemelo! Il produttore non si trova In zona non ci saranno produttori da litri di latte al giorno, in grado di sobbarcarsi gli oneri connessi alla movimentazione del latte freddo dalla stalla alla macchina distributrice e viceversa a fronte di euro di incasso.

Il grosso distributore di latte Il nodo è tutto qui L’idea mi sembra gradita da tutti ma continua a mancare il nominativo di un produttore serio che pensi all’approvvigionamento del latte e contribuisca all’acquisto del distributore.

Mettetevi anche Voi alla ricerca! Dopo i mercati della terra spero ce si riesca a concretizzare questa idea,questi distributori di latte crudo sono già presenti in tanti posti ,io li ho già visti in piemonte,in romagna e anche a Genova,al costo di 1 euro al litro si ha un gustoso LATTE FRESCO.

Ho sentito anch’io di queste iniziative in varie località e la appoggio totalmente, aggiungendo un’altra proposta: Ho visto recentemente un servizio televisivo di questa installazione in un paese in prov. Un bel chiosco in piazza non sarebbe male.

Informiamoci e, complimenti signor sindaco per ogni idea innovativa che ci aiuta a vivere meglio. La famiglia Rizzo abita proprio vicino a Te e distribusice da anni il latte fresco alle famiglie della zona. Hai notato quelle bottigliette di vetro vuote appese al muro quasi all’inizio della via?

Verso fine mattinata vengono riempie di latte ed ogni famiglia prende la propria. A quanto pare in Via Moncastello siamo all’avanguardia! Anteprima in tema: E’ l’occasione per degustare e verificare la bontà delle carni allevate nelle ns.

Arrivederci nel Palazzo! Ci vuole davvero! Io mi sono fermato spesso a Montechiaro , ove esiste da 6 mesi un distributore.. Sicuramente lo troveremo Dovrà essere convinto ed aiutato a convincersi della bontà della iniziativa, e se del caso anche aiutato economicamente nel suo progetto valore da 5.

Se servisse io sono disponibile So che c’è un signore, di cui non ricordo il nome, che alleva mucche e produce un gustoso latte in località Val Cummi, in quella borgata di case sulla destra appena si inizia a salire.

Non lo conosco personalmente ma so come contattarlo. Se serve, vado! Troppo ambiziosi? Io penso di no e comunque senza ambizione e determinazione nel non si va da nessuna parte.

Penso che a Cairo ci siano molte forze che hanno voglia di mettersi in gioco per il proprio paese: Avete visto nel quante persone sono venute a Cairo durante la festa? E allora forza, animo e lavoriamoci!

La Lega nord o la Kultura non avrebbero alcunchè da ridire, in quanto i costi della cena sarebbero a totale carico dei cosiddetti per quella sera “patrizi”. Potrebbe viceversa essere un momento di esaltazione all’interno dell’essenza della festa.

In un quadrio sono utilizzati tutti i colori, purchè siano in armonia tra di loro. Perchè non organizzare una “cena dei Patrizi” di elevato livello e scenografia in stile medievale.. Mi ricordo di aver partecipato ad una memorabile cena simile in piazza Savonarola la prima volta che a Cairo si fece Cairo Medievale Lasciando da parte le solite elucubrazioni della Kultura.

Si, ricordo la cena che era stata organizzata molto bene. In allora il Sindaco era uno dei miei maestri forensi, l’avv. Pietro Castagneto. Ben venga l’iniziativa di “allargare il cerchio” per aiutare gli organizzatori a quanto ne so davvero 4 gatti a gestire questo grande evento consolidatosi negli anni con lavoro sodo, alto livello della gastronomia e degli spettacoli proposti, promozione.

Un invito ai commercianti, che contribuiscano ancora di più alla festa già addobbano con perizia le vetrine – ma si vestano pure loro in costume, escano dai negozi con qualche “gadget” fuori dalla loro porta, coinvolgano i passanti, coprano le loro insegne al neon e le sostituiscano con altre in legno o pergamena, vendano i loro prodotti “mascherati” con un tocco originale – ad esempio pezzi di sacchi di iuta al posto delle buste di plastica – insomma rivedano in chiave medievale la loro attività.

E ai cairesi Magari con uno sconto alle bancarelle per il vestito a tema? Forza, fuori le idee! Sono una cairese e con molto piacere rispondo e sostengo questo vostro post per contribuire almeno spero alla crescita della nostra festa e di Cairo.

Già oggi Cairo Medievale è molto conosciuta e apprezzata nel comprensorio e anche oltre: Voglio comunque ribadire il mio paluso per aver dato voce ai vostri concittadini che come me non possono partecipare in modo diretto all’ideologia e alla costruzione delle manifestazioni che si svolgono nella cittadina, gli impegni di lavoro spesso ci occupano più del previsto e del voluto.

Io mi occupo di enogastronomia e comunicazione e quindi i miei suggerimenti riguardano questi settori avendo acquisito abbastanza. Innanzitutto i ristoranti: Sarebbe quindi bello coinvolgere anche i ristoranti del comprensorio suggerendo menù medievali a integrazione di quanto già si svolge in piazza.

E poi sono molto belli i piatti ci coccio, ma si potrebbe l’associazione delle Città del Vino lo ha adottato già da molti anni sui bicchieri porre un logo della manifestazione o della città su quei piatti facendo in modo che la gente si ricordi di noi anche quando è finita la festa.

Ultima cosa; la nostra festa, dopo anni che si svolge, è già molto conosciuta, ma perchè non cerchiamo di uscire dai confini provinciali e regionali cercando di coninvolgere giornalisti e media nazionali per dare maggiore enfasi all’evento e divulgare in Italia una bella immagine di Cairo?

Sono pochi suggerimenti che uniti a quelli di tanti altri posso aiutare a cresce. In bocca al lupo. Un piccolo contributo per la nostra grande festa!

Da cairese quale sono sostengo la vostra iniziativa, tutti dovremmo partecipare e suggerire iniziative e consigli per far crescere una manifestazione che in questi anni ha raccolto consensi e molto pubblico.

Cairo in quei giorni diventa il fulcro di attrattiva di tutto il territorio circostante e anche della riviera, che viene abbandonata, almano per una sera, per poter percorrere la nostra Via Roma addobbata a Medioevo.

I miei suggerimenti, occupandomi di enogastronomia e comunicazione, sono da una parte più spazio ai ristoranti. Va bene preparare banchetti che propongono piatti medievali, sono l’attrattiva della nostra festa, ma perchè non coinvolgere anche i ristoranti con menù medievali organizzati a Doc per una proposta univoca?

Non tutte le persone amano mangiare su panchine di legno con tovaglie di carta e posate di plastica, ma molti potrebbero essere curiosi di assaporare uno studiato menù medievale. E poi, la manifestazione, dopo anni che si ripete con pieni consensi, penso sia pronta ad uscire dai confini provinciali e regionali.

Un più incisivo contatto con i media nazionali, giornali e televisioni, potrebbe portare giornalisti sul territorio e incuriosire il pubblico per una maggiore affluenza.

Spero altri compaesani leggano le vostre iniziative e inseriscano commenti. Per crescere bisogna essere uniti. Ecco un frammento della sua mail: Complimenti forse a Cairo tutti nn sanno che è uno dei migliori nel suo settore speriamo veramente che si riesca a sviluppare qualcosa per questa citta.

Se ci penso poi mi rendo conto che se continuo a sfornare idee non resto in casa neppure una sera… A pensarci poi bene: Mio nonno paterno era un contadino, lo vedo ancora come in un sogno perchè ero piccina , sudato e con la falce in mano.

Questa canzone me lo ha fatto ricordare. Elena C. E’ stata scritta nel maggio durante l’occupazione dell’Università di Roma seguita all’uccisione dello studente Paolo Rossi da parte dei fascisti, avvenuta il 27 aprile ‘ Pare l’abbia scritta in una notte, prendendo spunto dalle conversazioni che una certa vecchia signora borghese faceva in un bar a proposito di quell’occupazione e di presunte orge sessuali e dalla cronaca di un piccolo sciopero avutosi a Roma in una fabbrichetta, dove il padrone, certo Aldo, aveva chiamato la polizia contro i suoi operai che facevano picchettaggio.

Cara Contessa, io non sono mai stata comunista, ma ho capito cosa intendi dire. Sembra che oggi ci si debba vergognare di avere ideali. Liste civiche…. Società civile …. Elena Castagneto Qualcuno era comunista perché era nato in Emilia.

Qualcuno era comunista perché il nonno, lo zio, il papà… la mamma no. Qualcuno era comunista perché vedeva la Russia come una promessa, la Cina come una poesia, il comunismo come il “Paradiso Terrestre”.

Qualcuno era comunista perché si sentiva solo. Qualcuno era comunista perché il cinema lo esigeva, il teatro lo esigeva, la pittura lo esigeva, la letteratura anche… lo esigevano tutti. Qualcuno era comunista perché: Qualcuno era comunista perché glielo avevano detto.

Qualcuno era comunista perché non gli avevano detto tutto. Qualcuno era comunista perché prima era fascista. Qualcuno era comunista perché aveva capito che la Russia andava piano ma lontano.

Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona. Qualcuno era comunista perché Andreotti non era una brava persona. Qualcuno era comunista perché era ricco ma amava il popolo. Qualcuno era comunista perché beveva il vino e si commuoveva alle feste popolari.

Qualcuno era comunista perché era talmente affascinato dagli operai che voleva essere uno di loro. Qualcuno era comunista perché la borghesia – il proletariato – la lotta di classe. Facile no? Qualcuno era comunista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopo domani sicuramente… Qualcuno era comunista perché: Qualcuno era comunista per fare rabbia a suo padre.

Qualcuno era comunista per moda, qualcuno per principio, qualcuno per frustrazione. Qualcuno era comunista perché voleva statalizzare tutto.

Qualcuno era comunista perché non conosceva gli impiegati statali, parastatali e affini. Qualcuno era comunista perché aveva scambiato il “materialismo dialettico” per il “Vangelo secondo Lienin”. Qualcuno era comunista perché era più comunista degli altri.

Qualcuno era comunista nonostante ci fosse il grande Partito Comunista. Qualcuno era comunista perché chi era contro era comunista. Qualcuno era comunista perché non sopportava più quella cosa sporca che ci ostiniamo a chiamare democrazia.

Qualcuno era comunista perché sognava una libertà diversa da quella americana. Qualcuno era comunista perché pensava di poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri. Qualcuno era comunista perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo, perché era disposto a cambiare ogni giorno, perché sentiva la necessità di una morale diversa, perché forse era solo una forza, un volo, un sogno, era solo uno slancio, un desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita.

Qualcuno era comunista perché con accanto questo slancio ognuno era come più di se stesso, era come due persone in una. No, niente rimpianti.

Forse anche allora molti avevano aperto le ali senza essere capaci di volare, come dei gabbiani “ipotetici”. E ora? Due miserie in un corpo solo. Da una falce di luna siamo passati alla falce e martello.

Mancano le lotte di classe? Sentite la nostalgia del 68′ e di quel movimento di ideali? Io sono persona molto pragmatica e poco idealista, mi dispiace. Preferisco parlare di risparmio energetico, di rilancio dell’economia locale e di posti di lavoro.

Prima cosa: Accidenti che volevo esserci. Mi piacerebbe scrivere una ballata in dialetto valbormidese sulle streghe di Cairo. Mi auguro di riuscire a esserci in altre occasioni. Seconda cosa: Ma che barba sempre parole inutile e polemiche fuori luogo.

Ma non è una data sinistra se mai, destra A parte queste facezie, spero saremo tantissimi. Facciamo pubblicità a questo evento, ci fa bene alla salute parlare ogni tanto di cose positive in un momento che vede notizie sconfortanti, soprattutto a livello nazionale.

Forse il governo di Berlusconi ha confuso il risparmio energetico con la deriva oscurantista in cui si è incamminato? Cerco di fare dello spirito per sollevarmi un po’ il morale.

Arrivederci a venerd’ Era il ! Speriamo ci sia almeno una falce di luna a illuminarci. È una storia dura ma che riscalda il cuore… con una foto di John Gebhardt in Iraq.

La bambina continua a migliorare. Questo, amici, merita di essere condiviso con il mondo! Non vedrete mai cose del genere al telegiornale. Fatelo girare. Se non lo fate non succede nulla ma la gente ha bisogno di vedere foto come questa e di rendersi conto che stiamo facendo la differenza.

Anche se si tratta semplicemente di una piccola bambina per volta. Grazie Fulvio per aver voluto condividere con i tuoi amici del blog questa toccante storia. Mi fa pensare che anche nel peggiore dei mali, come la guerra, ci possano essere momenti di grande umanità.

Questa è una speranza per tutti noi Che gli ideali di solidarietà, amore e fratellanza continuino a risplendere nelle coscienze Una settantina di imprenditori di quaranta piccole e medie imprese cairesi oltre agli AD delle tre industrie più importanti del nostro territorio: Saint Gobain Vetr.

Sono stati due giovani imprenditori locali, Matteo Callegaro e Francesca Serviati ad aprire i lavori con una bella presentazione delle criticità del mondo imprenditoriale locale. E’ stato un primo passo importante: Un fatto sicuramente molto, molto positivo.

Ora occorre andare avanti nel dialogo e nel rapporto con i “grandi interlocutori” cioè le grandi aziende che possono far ricadere sul territorio le loro iniziative. Grazie sindaco per la pensata.

Grazie anche per averci fatto presentare le opportunità di finanziamento regionali. Beh, in un periodo in cui, come al solito, il governo da aiuti a FIAT e Banche, fa piacere notare il rovescio del ragionamento, un sindaco che “aiuta” le piccole imprese che compongono il proprio tessuto economico.

E’ una via innovativa per una amministrazione quella di far da tramite ai vari interessi del territorio, al fine di crescere tutti insieme.

Ma a ben pensarci, la politica non dovrebbe servire a questo?!? Sta a vedere che a Cairo abbiamo capito qualcosa Le modalità dei due racconti erano sostanzialmente identiche: Per fortuna il Paese intero era in altre faccende affaccendato. Alcuni 7 milioni e mila guardavano Federica per potersi sentire, senza troppi sforzi, migliori di lei.

Quattro o cinque leggevano un libro, probabilmente anche a Udine, benché non ci fosse nessuna telecamera a riprenderli. E’ frustrante assistere allo scempio che si e’ fatto di una storia che ha messo in evidenza solo il fatto che ci si occupa di certi casi solo quando vengono portati all’onore della cronaca.

E’ da ammirare il padre di Eluana che ha accettato di sottoporsi alla gogna mediatica solo per risvegliare l’attenzione su questo problema. Nessuno ha avuto pieta’ per lui e la sua sventurata figlia. Riposi in pace, finalmente.

Ed e’ frustrante anche assistere a spettacoli come il grande fratello e simili. Mi auguro che rispecchino solo in minima parte questa societa’ cui apparteniamo. Me lo auguro davvero Questa tragica vicenda, che ha fatto il giro del mondo, ha messo in crisi l’Italia.

Viene da chiedersi, ora, se siamo tutti consapevoli di quali siano le regole che stanno alla base della convivenza civile. Dello stare insieme senza violentarci l’un altro, del realizzare, possibilmente, qualcosa di buono insieme, dell’avere la capacità di immaginare un futuro migliore per i nostri bambini.

Una cosa è certa, strumentalizzare la sacralità della vita e della morte significa oltrepassare quel confine che limita la possibilità del dialogo. E di questo, a mio parere, se ne sono accorti in molti. Forse qualcuno fra quelli che hanno cercato una evasione guardando il Grande Fratello, magari qualche altro assiepato dietro le poltrone di Vespa, e certamente moltissimi che navigavano in rete, alla ricerca di informazioni, visto che di tutto si occupa la televisione, tranne che di informare.

Per il resto, mi inchino al coraggio del padre di Eluana, alla sua determinazione tipica degli idealisti di combattere delle battaglie a nome di molti, e non solo per i propri interessi privati.

Il problema è che oramai non c’è più tanta differenza tra grande fratello e politica: Il problema ancora più grosso è che la maggior parte degli italiani lo guarda e ne parla al bar, dal parrucchiere, nelle sale di attesa degli ospedali Semmai riassumo in poche parole e dico che: Questi soggetti stanno semplicemente facendo demagogia e facile populismo, creano allarmismo in mezzo alla gente parlando non alla loro testa ma alla loro pancia.

Diciamo una volta per tutte in modo chiaro che Cairo non è una città che necessita di ronde né di razzismo.

Per il resto io ho un altro obbiettivo: Sindaco le parlo da cittadina trentenne di Cairo. Senza dubbio le idee sono molto ma molto confuse. Da parte mia non ho ancora capito se questa moschea, o centro di ritrovo che dir si voglia, si farà o meno.

Non è una questione razzista credo. E’ solo che, a volte, cisi domanda se queste persone cerchino veramente l’integrazione, oppure vogliano portare la loro cultura, il loro paese e le loro usanze nella nostra città, imponendo un modo di vita e un modo di essere. Sinceramente sono spaventata.

Mi permetta di nutrire alcuni dubbi. Quindi chiedo delucidazioni in merito a questa faccenda. La ringrazio. Infatti avendo fatto a suo tempo – come me – la visita di leva, hanno lasciato le loro impronte digitali – aiutati dal maresciallo di turno -sul modulo appositamente predisposto dal ns.

Questo post coraggioso sarà certamente molto commentato. Non trovo quindi corretto che venga permesso a privati cittadini di aggirarsi in gruppo con lo scopo preordinato di tutelare la quiete. Ma comunque, Sindaco, lasciamoli fare… Dopo qualche passeggiata notturna fatta a vuoto per le strade deserte di Cairo, penso si stancheranno.

Buon lavoro e buona notte a tutti i frequentatori del blog. Elena Castagneto. Ho paura perché sono diverso. Non sono cattolico, non ho certezze, non ho partito, niente di niente da urlare in faccia a nessuno.

Ho paura di questa gente che dice allo straniero vattene perché sei straniero. Perché la tua cultura, la tua religione, il sapore dei cibi che mangi non mi piacciono. Vattene perché dai fastidio, perché sei povero, diverso, cattivo, sporco.

Vattene perché sei un delinquente, perché tu fai paura ai nostri bambini, perché non sai la lingua, non sai le regole.

Ho paura che diranno anche a me di andarmene. Perché sono diverso. Perché, ad esempio, non sono cattolico. Perché io voglio che se ne vadano i pregiudicati che siedono in Parlamento, che i sovversivi che manipolano il potere esecutivo si vergognino, i padroni del potere mediatico stiano in silenzio.

Ecco, ho paura che si rendano conto, un giorno o l’altro, che anche io non sono come loro, che non strillo, che non credo ai capri espiatori, che nonostante tutto credo ancora nel dialogo. Ho paura che vengano da me e mi dicano di andarmene via perché non gli piace quello che penso, di andare altrove se voglio morire come dico io, se non voglio vivere attaccato alle macchine, se vivo e mi comporto da cittadino libero.

Ho paura di avere ragione e scoprire che la legge non mi difende. Ho paura che la maggioranza diventi totalitaria, decida per me, venga a dirmi a che dio devo credere, decida per me a quali condizioni devo vivere e morire, mi dica a chiare lettere che cosa devo pensare.

E allora mi viene da arrabbiarmi. Ma non voglio. Perché sono diverso e ci credo davvero nel rispetto e nel dialogo. Ma non sia arrabbiato. Settimana impegnativa. Domani riunione per fare il punto delle varie conferenze di servizi sulle bonifiche dei siti inquinati di Cairo e, alla sera, Consiglio Comunale.

Sabato, Rosy viene a Cairo e vado a salutarla. Se qualcuno pensa che fare il Sindaco a Cairo sia poco impegnativo, è servito… Baci, abbracci e…buona settimana a tutti! Tl’oi vusciula la bici.. Una bella settimana non c’è che dire Ma al di là di questo Dove lo trovate un sindaco che vi informa in diretta di cosa succede nella vostra città????

Un esempio che spero copino molti altri amministratori! Ci sono novità? Oppure se le è ingoiate insieme al Sushi successivo alla riunione?

In effetti il Sushi non l’ho ingoiato perchè ho rinunciato: Ho ripiegato su una Pizza con bufala e birretta. La riunione è stata interlocutoria. Da parte loro vi è, soprattutto, la preoccupazione che la gestione possa risultare in futuro antieconomica e vuole mettere quindi bene a punto tutte le implicazioni del caso.

L’appuntamento è in ogni caso fissato per l’inizio di marzo a Roma e penso che per quella data il progetto sarà pronto. Per il Sushi beh Che dirle, signor Sindaco? Buon lavoro e speriamo che. Per ora si vedono solo i fiori. Il pubblico amministratore Pochi si rendono conto del carico di lavoro al quale è sottoposto oggi un pubblico amministratore.

Se poi questi ha anche una professione da portare avanti, l’impegno diventa proibitivo. Bravo Fulvio! Non ti conosco direttamente, ma seguo sempre il tuo blog e vorrei avere un Sindaco come te. Volevo chiedere scusa per non essere stata presente a “M’illumino di meno” ma purtroppo motivi famigliari non mi hanno reso possibile parteciparvi.

Spero che tutto sia andato bene. Aggiungo due cose: Le RSU e i loro rappresentanti sono lontani da quello che io credo dovrebbe essere una RSU e quello che penso l’ho espresso più volte apertamente. Nessuna polemica, ho detto solo quello che penso. Ancora una cosa:.

Ma Signor Sindaco certe parole come “gnocca” lei non le dovrebbe non solo scrivere ma nemmeno pensare. Insomma è un Sindaco. E poi almeno voi uomini qualche bella donna al governo ce l’avete, noi donne ma manco se piangiamo in cinese.

Da quel punto di vista un “ammosciamento totale”. Buona settimana allora. E a Palazzo di città l’aspetta il Sindaco di Nizza Monferrato, con le eccellenze del suo territorio: A Cairo abbiamo una situazione particolare.

Penso che un buon amministratore lungimirante dovrebbe pensare ad un progetto di ampliamento proprio delle scuole del capoluogo anche se ad esempio la scuola di Bragno necessita ugualmente di opere di ristrutturazione.

Per ora ci siamo limitati alla predisposizione di un progetto di massima in vista della prossima scadenza del bando 27 febbraio ma non vogliamo abdicare ad un ruolo di tutela degli abitanti delle frazioni.

Nel spiegare in Regione la situazione di Cairo mi rendevo conto di quanto siamo un Comune particolare… E la coperta è corta, molto corta….

Una proposta di legge molto scomoda… Vergogna! Il problema è solo uno: Vergognoso è invece il loro comportamento, come se la lotta partigiana non avesse toccato Cairo Montenotte, come se il Regime Fascista non avesse causato morti nella nostra Città.

Nel frattempo vi riporto uno stralcio della proposta di legge di cui si discute: La Costituzione della Repubblica italiana, è un gran bel documento. Siamo tutti d’accordo e la rispettiamo. Ma non è e non deve essere ritenuta immodificabile Senza per questo scomodare inutilmente la Resistenza ed i suoi Valori, ed i caduti da una parte e dall’altra.

Ma possibile che la periferia politica Comuni, Provincie e Regioni -rosse ricorra a queste proteste? Forse ritengono i rappresentanti dei loro partiti PD al parlamento inetti ed incapaci di difendere e di contrastare le proposte di legge destrorse nelle varie commissioni?

Nei Comuni, per cortesia,continuiamo a lavorare ed ad amministrare nell’interesse di noi cittadini. Rispondo al lettore che critica l’uso dei temi nazionali in consiglio comunale. Forse non ci siamo capiti.

Il ricordo dei partigiani e le corrette differenze che storicamente riguardano chi ha combattuto per la libertà del nostro paese e i repubblichini riguardano anche Cairo Montenotte.

Come è stato ricordato da Roberto Romero in Consiglio, davanti all’Ufficio del Sindaco sono appese le foto di alcuni ns. Non prendiamoci in giro Io sto semplicemente dimostrando di avere idee proprie e indipendenti da qualsiasi visione di partito.

Se un partito è veramente democratico deve saper accettare le critiche di un amministratore comunale di provincia come sono io. Questa è la differenza che passa tra un amministratore riformista e un amministratore conservatore che mai potrebbe criticare l’operato di Berlusconi.

Questa è l’Italia d’oggi Una proposta di legge scomoda Pensavo che rispondesse, risolvendolo, il mio dubbio sull’utilità o meno di discutere in un Consiglio di un paese come Cairo, proposte di legge a carattere nazionale e ideale sulle le quali il parere più o meno favorevole del Consiglio stesso è totalmente ininfluente.

Questo, sia ben chiaro indipendentemente dalla legge in oggetto del suo Post. Non solo non mi ha risposto, ma ha anche soppresso la mia richiesta! C’è da stupirsi? Siamo in epoca di revisionismo e di reazionari.. E purtroppo questo è solo l’inizio..

Caro Anonimo, come me, leggo il Suo commento per l’uscita dal Consiglio Comunale della minoranza. Secondo me non c’è da vergognarsi, per questo comportamento: Dire vergogna è troppo poco, sia per l’atteggiamento in generale, sia, soprattutto per l’argomento.

Ma è tipico di questi personaggi, che ormai sono il substrato di una cultura che tende a cancellare ogni valore e a creare un unico pastone ideologico. Bravo sindaco, continui a denunciare questi fatti, li faccia conoscere il più possibile e ricordi a questi figuri che se possono sedere sugli scranni del consiglio a sparare le loro c E ricordiamoci che dopo l’8 settembre chi ha scelto la difesa “del regime ferito e languente” che ridicola dicitura in puro stile fascista!

Grazie, aunty.

11:30 1,80 3,48 4,82 P Q 2 DIVISIONE BAHRAIN inizio 1 X 2 P Q AL-ITTIHAD BAHRAIN (. Il 5 volte pallone doro inoltre lunico giocatore della storia ad aver segnato in 3 finali di Champions League, un torneo in ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport anche il primatista assoluto di ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport con 122 reti e di cui detiene anche ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport maggior numero di goal segnati in una sola edizione con 17 reti. 00 1. Risultato ParzialeFinale. In caso di scarto pari o scarto inferiore a 5 punti l’esito corrispondente la X. Le squadre classificate in prima e in seconda posizione al termine del campionato guadagnano automaticamente la qualificazione alla EUFA Champions League, il lottomatica contatti chat prestigioso torneo calcistico europeo, ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport la terza accede ai turni di play-off. Per ciascun evento, sono riportati in modo schematico nomi delle squadre o degli atleti contendenti, data ed ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport di inizio, nonch le varie quote proposte per ciascuna delle ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport formule di ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport disponibili. Inizia a giocare su SNAI. Bwin 200 VAI SU BWIN Stanleybet 10 VAI SU STANLEYBET Unibet 10 VAI SU UNIBET Better Lottomatica 10 VAI SU BETTER Betflag 210 VAI SU BETFLAG Betaland ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport VAI SU BETALAND Betclic 60 VAI SU BETCLIC Betway 250 VAI SU BETWAY Netbet 50 VAI SU NETBET MerkurWin 200 VAI SU MERKURWIN SportPesa 50 VAI SU SPORTPESA Gioco Digitale 5 VAI SU GD SportYes 50 VAI SU SPORTYES. Su Superscommesse trovi tante schedine di oggi sul calcio e multiple scommesse pronte, realizzate dai 30. Vedremo se Gazzabet riuscir a replicare il successo e laffidabilit della Gazzetta dello Sport. Intralot ha anche introdotto delle Special Bets su marcatori e club. Quando ti registri a SNAI assicurati di sottoscrivere la ricezione di email a scopo promozionale per ricevere tante offerte direttamente nella tua email. La domenica di Serie B si conclude in Campania con la ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport pi attesa dell’undicesima giornata. Al momento siamo in grado di potervi offrire tre fantastiche offerte pronostici champions atletico juve obbligo di deposito per le scommesse. Miglior Operatore Social Marketing 2018. Esito incontro : Barcelona. Dopo aver completato la procedura, occorrer effettuare il primo versamento (somma minima 20): ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport selezionare, prima del deposito, il pacchetto Welcome Bonus Scommesse presente nella pagina di ricarica.

UFFICIO DI ALLIBRATORE UNA MARATONA DI TASSO SU SPORT QUOTE SCUDETTO 365

tasso di maratona di una ufficio su sport allibratore

Le categorie principali sono quella delle scommesse Antepost (relative a pronostici a lunga distanza sull’esito finale di una gara, di una competizione, di un torneo o di un campionato) e delle scommesse Prematch (realizzate prima dell’inizio della gara) ed in formula Live. 00 25. Credo di averli provati tutti questi siti di pronostici. 00 81. Pronostici Oggi. Scommettere e fare pronostici calcio oggi vincenti una passione e tale deve rimanere…Questo blog vuole essere solo un punto di incontro per condividere questa passione. Per scoprire il palinsesto completo delle competizioni e degli eventi sportivi sui quali puoi piazzare scommesse online puoi consultare il pratico men presente in questa pagina nella colonna di sinistra: per ciascuna disciplina (Calcio, Basket, Tennis, Volley, Automobilismo, Motociclismo, ecc. A ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport, ecco le quote sulle principali favorite proposte da Snai, Bwin, 888, William Hill e Sisal, fra i bookmaker pi tempestivi nel proporre le quote sul prossimo vincitore della Champions League. 00 301. Per quanto riguarda ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport scommesse virtuali sulle corse dei cavalli, SNAI offre quote molto vantaggiose, realizzate dai migliori bookmaker di SNAI. Al momento non ci sono quote disponibili per la. La Juventus prega per pescare una tra Porto e Ajax, e magari evitare Barcellona e Goldbet scommesse sportive online City anche per le semifinali.

Su Superscommesse. Come abbiamo anticipato all’inizio i bookmaker nel corso degli anni hanno aumentato e variato la tipologia di quote tennis, il tutto per rendere pi interessante l’esperienza di gioco. Per poter essere riscosso il bonus dovr essere convertito entro una settimana. Le tre ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport di scommesse sportive hanno ottenuto la licenza da parte di ADM. Il Milan, sesto in classifica e serie positiva da 10 giornate (8 vittorie e 2 pareggi), deve continuare a raccogliere punti per ottenere ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport alla prossima Champions League. Syahrin – Yamaha. Domenica pomeriggio alle 17:30 va in scena allEtihad Stadium ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport derby di Eurobet serie a, semplicemente la partita pi attesa dellanno nella capitale del. I migliori book italiani. In ogni partita la squadra con il miglior piazzamento nella stagione regolare gode del fattore campo e prevale in caso di parit al termine dei supplementari, non essendo previsti i rigori. 113 0 3 6. Domande e risposte. Betclic opera in Italia con Concessione GAD 15202, Betclic Limited. Pronostico Juventus-Udinese. Il sito proposto risultato essere ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport pi vantaggioso al momento della compilazione schedina. Pagamento delle vincite e dei rimborsi. ti G V N P 1) Liverpool 46 16 15 1 0 2) Leicester City 38 16 12 2 2 3) Manchester City 32 16 10 2 4 4) Chelsea 29 16 9 2 5 5) Manchester U., Che sia per scommettere alla migliore quota in ogni circostanza o per approfittare dei migliori bonus scommesse (scommesse gratuite, scommesse rimborsate, bonus al deposito, bonus senza deposito…) o semplicemente delle diverse promozioni offerte ogni settimana (quote maggiorate, bonus, rimborsi), aprire un conto gioco sullinsieme dei siti di scommesse sportive presentati in questa pagina una delle migliori scelte che si possano fare. Privacy | Copyright (c) Sisal Antepost capocannoniere serie a S. Oggi, l’offerta di SNAI. E GIOCHI ONLINE. E voi. Tottenham-Ajax, Champions League: formazioni e pronostico. Puoi giocare solo se maggiorenne. it per portare tutto questo sempre con te. Doppia chance : Friburgo o X. 6 delle proprie linee guida (allegate alla delibera 13219CONS) e non costituisce pertanto una forma di pubblicit Bonus senza deposito e popolarit. Qui puoi scoprire lassortimento di quote online relative a differenti eventi antepost capocannoniere serie a quali, ad esempio, la serie A, la serie B e le quote Champions League. SNAI. Lo scommettitore deve pronosticare se entrambe le squadre segnano almeno un goal al termine. Per esempio, bonus snai benvenuto della partita antepost capocannoniere serie a serie A tra Milan ed Empoli, la quota per il successo dei rossoneri pu passare da 1. La buona notizia antepost capocannoniere serie a Milik ha il piede caldo. Nba – A chiudere il cerchio sui pronostici NBA di oggi c’ l’analisi di Milwaukee Bucks New Orleans Pelicans, gara in programma al Fiserv Forum .

DEPOSIT UFFICIO DI ALLIBRATORE UNA MARATONA DI TASSO SU SPORT 365 SITE

ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport

Miglior Campagna Marketing 2017. Miglior Campagna Marketing 2016. Miglior Operatore dell’anno ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. Miglior Operatore Mobile 2016. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Termini e Condizioni. WELCOME BONUS SCOMMESSE SPORTIVE. 10 subito Bonus fino a 200 Registrati, deposita e scommetti: ricevi subito 10 pi un bonus del 50 dell’importo delle scommesse effettuate entro 7 giorni dalla registrazione fino a un massimo di 200. BONUS 10 SUBITO AL DEPOSITO. Lofferta prevede lerogazione di un bonus pari ad euro 10 prospetto quote snai calcio e sar valida solo per i nuovi clienti, ossia per coloro che apriranno per la prima volta un conto di gioco con Eurobet a partire dalle ore 14:00 del 20092017 e fino al 30042020.

Al termine della stagione, la formazione prima qualificata si aggiudica la vittoria del campionato di Serie Quote olanda germania, la Coppa Ali della Ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport e la promozione diretta al campionato di Serie A per l’annata seguente. Pisa, Milano, Roma, Napoli, Firenze, tutta lippica a disposizione per te. Europa League – Sesta e ultima giornata del girone E di Europa League, quello della Lazio, che si chiude gioved 12 dicembre alle 18. Oggi, l’offerta di SNAI. Doppia chance Over Under : Strasburgo X e Over ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport. La promozione valida solo per ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport clienti che non abbiano mai effettuato una giocata collegandosi al sito www. Champions League : Club Brugge – Real Madrid. Puoi giocare solo se maggiorenne. Mentre allestero il numero di siti di scommesse sul mercato sta crescendo in modo velocissimo e senza alcun tipo di fatica (basta una licenza internazionale), in Italia piuttosto difficile sbarcare nel mondo di scommesse sportive. Bonus e promozioni. it hai la certezza di poter mettere alla prova la tua passione e le tue conoscenze spaziando tra tutti i pi importanti eventi sportivi ospitati in Italia e nel resto del mondo. Sito Bonus Leggi TC 5 no dep300 primo dep. Nel manuale cartaceo originale ci sono tre versioni, l’app adotta la versione piГ soft e bisogna dire che non c’ГЁ di che lamentarsi, anche se col senno di poi qualche volta si sarebbe potuto ottenere dei risultati migliori se soltanto si ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport adottata la versione originale. Europa League – Nel girone F ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport Europa League ancora tutto in bilico e noi vi proponiamo il pronostico St. Ma non finita qui. La mancata visualizzazione potrebbe dipendere anche dal Firewall ( hardwaresoftware di sicurezza ) o altri software di sicurezza installati nel tuo PC. Ecco quello che c da sapere sull’andata degli ottavi ufficio di allibratore una maratona di tasso su sport le migliori quote per scommettere. Guidata da un management con vasta e profonda conoscenza del mercato italiano ed internazionale, Eurobet ha lobiettivo di diventare loperatore di riferimento per i giocatori italiani, offrendo la migliore esperienza cliente del mercato, promuovendo al tempo stesso il gioco responsabile. Tipologie di scommesse live Calcio Tennis Pallavolo Basket Badminton Esito finale Esito finale Esito finale Esito finale Esito finale Segna goal Tie -break SiNo UnderOver Esito finale quarto Esito finale set UnderOver UnderOver Set giocati PariDispari quarto UnderOver set Risultato esatto Risultato esatto set Numero sei ai vantaggi UnderOver quarto PariDispari set. Aprire un conto gioco., AUGELLO Dopo una stagione da assoluto protagonista in Serie B con bet365 agent registration maglia dello Spezia, chiamato al grande salto di bet365 agent registration con la Sampdoria. O lui o cr7 la ingrigliano. Username: Password: Pin: Complimenti. Schedina del giorno bet365 agent registration VINCENTE. L’arrivo di Bet365 agent registration sulla panchina degli Spurs non ha scosso particolarmente i nuovi bookmakers no aams, che bancano il trionfo di Kane e compagni mediamente a 23 volte la posta. Tutte le quote pronostici tennis oggi superscommesse sulla MotoGP le trovi su Eurobet. Se non sei ancora un utente GoldBet, Registrati. it hai la certezza di poter mettere alla prova la tua passione e le tue conoscenze spaziando tra tutti i pi importanti eventi sportivi ospitati in Italia e nel resto del mondo. 5 4 3 3 3. Lo scommettitore pronostica se la Squadra Fuori Casa vince o pareggia o la Squadra di Casa vince. Tripla possibilit: una tipologia di scommesse usata da pochissimi bookie, permette di scommettere sulla riuscita di almeno una delle tre possibilit della giocata, puntando sull’1X2, l’UnderOver 2. Sisal Casino : 5 gratis senza deposito entro 48 ore dalla registrazione. 000 Registrati, ricarica il tuo conto, gioca e ricevi il bonus 100 del tuo primo deposito fino ad un bet365 agent registration di 1. Bet365 agent registration Inter, come noto, ha salutato la massima competizione Uefa retrocedendo in Europa League. 00 – bet365 agent registration. Invia bet365 agent registration Annulla risposta. Il servizio gratuito di Multiregistrazione ti permette di registrarti contemporaneamente a pi bookmaker risparmiando il 90 del tempo. Bet365 agent registration gi scoperto la Multiregistrazione.